La chirurgia del ginocchio comprende tutti quegli interventi che riguardano le patologie del ginocchio. Queste patologie si manifestano su base degenerativa, traumatica o essere frutto di lesioni su base genetica o familiare.
Se soffri di malessere alle articolazioni del ginocchio è importante rivolgersi in fretta al proprio medico, anche in caso di sintomi lievi, in questo modo sarà possibile effettuare una prima diagnosi e valutare la natura e il grado del problema. Spesso infatti, si tende a trascurare i primi segnali d’allarme e questo comporta un peggioramento inevitabile nel tempo.

Come si svolge l’intervento al ginocchio?

L’intervento al ginocchio, come per tutti i tipi di interventi, è preceduto da una fase di anamnesi approfondita. Durante questa fase, viene eseguita una valutazione clinica del paziente e in seguito vengono effettuati esami radiologici e, se necessario, esami di approfondimento come RMN o TC.

Durante la seconda visita, al paziente viene descritto il piano terapeutico per il tipo di intervento a cui verrà sottoposto e al tipo di anestesia consigliata. Inoltre si forniscono le risposte a tutti i dubbi espressi dal paziente.

Il giorno prima del ricovero nel reparto ortopedico, il paziente si presenterà in clinica con i propri effetti personali quali documenti, biancheria di ricambio, eventuali farmaci che prende abitualmente e la documentazione personale richiesta.

Il giorno dell’intervento

La mattina dell’intervento, il paziente incontrerà il medico chirurgo prima di scendere in sala operatoria.

Il paziente viene portato in blocco operatorio dove incontrerà l’anestesista e si procederà all’anestesia. Una volta eseguita questa procedura, il team medico può procedere all’operazione. La durata dell’intervento è di circa 1 ora e mezza e varia a seconda del tipo di operazione e delle tecniche utilizzate.

Una volta terminata l’operazione, il paziente viene tenuto in osservazione per qualche ora e, in seguito, trasferito in reparto di ortopedia nella propria stanza.

In genere, il ricovero dura dai 3 ai 5 giorni, dipende dall’esito dell’operazione e da come il paziente reagisce ad essa.

Al momento delle dimissioni, al paziente vengono fornite le indicazioni sulle terapie antidolorifiche e antinfiammatorie, profilassi anti trombo-embolica, gli appuntamenti per le medicazioni, rimozione dei punti di sutura e la data del primo controllo clinico e radiografico. Inoltre verranno riportate le indicazioni per la fisioterapia.

Il post operatorio

Il percorso riabilitativo può essere eseguito a domicilio oppure in un reparto di riabilitazione. Se il paziente decidesse di eseguire la fisioterapia in riabilitazione, verrà inviato presso il centro e proseguirà la fisioterapia assistito dal personale, incluse le medicazioni della ferita chirurgica e la desutura. Il periodo varia tra i 10 e 15 giorni dopo l’intervento in base alla progressione del recupero funzionale del paziente e al quadro clinico.

Se il paziente volesse eseguire la fisioterapia a casa, è importante seguire attentamente le indicazioni del medico anche per quanto riguarda la terapia farmacologica.

Per tener traccia del decorso post operatorio, il chirurgo dovrà rivedere più volte il paziente, al fine di accertarsi che tutto stia andando per il meglio.

Le scadenze sono così descritte:

  • Prima medicazione dopo 7/10 giorni dalle dimissioni;
  • Rimozione dei punti di sutura dopo 20 giorni dalle dimissioni;
  • Raggi X e controllo dopo 6 settimane dall’intervento;

Ulteriori controlli verranno effettuati dopo 3 mesi dall’operazione, a distanza di un anno, e poi a scansione quinquennale.

Consigli per il post operatorio

La tecnologia moderna in ambito medico, come la chirurgia robotica, ha reso le operazioni come quelle al ginocchio meno invasive e meno complesse per quanto riguarda il decorso post operatorio. Ciò nonostante, è importante, una volta tornati a casa, tenere un comportamento atto ad evitare eventuali peggioramenti.

Movimenti bruschi o sforzi eccessivi possono rallentare il percorso di guarigione, ecco alcuni comportamenti a cui è necessario prestare attenzione:

  • Indossa abiti larghi, ti renderanno i movimenti più agevoli;
  • Vestiti da seduto, magari utilizzando una sedia non troppo bassa;
  • Chiedi aiuto ai tuoi familiari nelle faccende quotidiane, evita di affaticarti;
  • Rimuovi eventuali ostacoli in casa, per evitare cadute accidentali;
  • Sali le scale utilizzando prima l’arto non operato e scendi utilizzando per primo l’arto operato;
  • Mantieni un’alimentazione sana, ricorda che un eccessivo aumento di peso potrebbe rallentare la riabilitazione;
  • Chiedi sempre il parere al tuo medico prima di iniziare ad intraprendere qualsiasi tipo di attività fisica.

Vuoi avere maggiori informazioni sull’intervento chirurgico? Scegli il modo con cui vuoi contattare il Dott. Regazzola per un consulto.

Prenota subito
un appuntamento

Invia un messaggio
su WhatsApp

Invia un messaggio
via email

Lascia il tuo numero
per essere richiamato